Stilicone. La battaglia di Fiesole e il tesoro di Radagasio

di Enio Pecchioni

Nel 406 d. C., nei pressi di Fiesole e intorno a Firenze, una cruenta battaglia sancì la fine dell’invasione degli Ostrogoti di Radagasio. Il merito della vittoria, l’ultima ottenuta dalle armi romane in Italia, fu di Flavius Stilicho detto Stilicone, uno dei personaggi più significativi di quell’epoca oscura.
La Battaglia di Fiesole è l’oggetto storico di questo saggio, forse il più ampio mai dedicato a tale argomento. Gli autori ne analizzano i protagonisti, le modalità, i simbolismi lasciati impressi nelle tradizioni popolari di Fiesole e della vicina Montereggi.

Descrizione

Press&Archeos, Firenze, 2010; br., pp. 85, ill. b/n, cm 15×21.
ISBN 978-88-96876-00-8

Nel 406 d. C., nei pressi di Fiesole e intorno a Firenze, una cruenta battaglia sancì la fine dell’invasione degli Ostrogoti di Radagasio. Il merito della vittoria, l’ultima ottenuta dalle armi romane in Italia, fu di Flavius Stilicho detto Stilicone, uno dei personaggi più significativi di quell’epoca oscura.
La Battaglia di Fiesole è l’oggetto storico di questo saggio, forse il più ampio mai dedicato a tale argomento. Gli autori ne analizzano i protagonisti, le modalità, i simbolismi lasciati impressi nelle tradizioni popolari di Fiesole e della vicina Montereggi.

Enio Pecchioni, ricercatore storico e membro del Gruppo Archeologico Fiorentino, è autore di Storia di Fiesole (1979), Il Ducato longobardo di Fiesole (1981), Antiche curiosità fiorentine (1990), Ricordi Fiesolani (1993) ed altri testi. In questo saggio l’autore collabora con il figlio Lorenzo Pecchioni, anch’esso ricercatore e autore di documentari storico-antropologici.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Stilicone. La battaglia di Fiesole e il tesoro di Radagasio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares