Orfeo. Euridice. Hermes

12,00

a cura di Mario Ajazzi Mancini

Riprendere Orfeo. Euridice. Hermes in traduzione, dopo alcune storiche versioni che hanno caratterizzato con risolutezza l’impatto di Rilke in Italia – da Leone Traverso e Vincenzo Errante, a Antonio Prete, passando per Giaime Pintor e molti altri – sarebbe impresa vana, addirittura sfrontatezza, se non si avvertisse un’urgenza ulteriore, simile a quella che ha animato una traduzione dei Sonetti qualche anno addietro. Rinnovato interesse che mette in relazione la scrittura rilkiana con alcuni tratti del pensiero psicanalitico in merito non solo all’impatto della pulsione di morte – di cui la narrazione del poemetto è illustrazione –, ma soprattutto quel motivo orfico che lavora ogni storia d’amore. Amore possibile perché impossibile e fallimentare – tanto reale e urgente da mancare la presa e divenirne l’emblema: come nel transfert e nella traduzione (che per Freud, e non solo, hanno stesso nome: Übertragung).

Descrizione

Orfeo. Euridice. Hermes
Press & Archeos, novembre 2018.
ISBN 978-88-96876-98-5
76 pp., 13×19,8cm, brossura

Rainer Maria Rilke (Praga 1875 – Valmont 1926), una delle figure più rappresentative del ‘900, non solo letterario. Sperimentatore e innovatore del linguaggio poetico, spesso contaminato con modelli espressivi derivati dalle arti figurative. Ha impresso svolte decisive alla sua produzione, passando dal soggettivismo neoromantico a quella “poesia oggettiva” che ne ribalta lo statuto, a vantaggio di una rappresentazione della realtà. L’incontro a Monaco con Lou Andreas Salomé gli consentì di aprirsi alla filosofia e alla psicanalisi (conoscendo personalmente Freud) e di intraprendere viaggi formidabili – matrice forse di continue peregrinazioni, fino all’approdo al castello di Muzot nel 1922, dove portò a compimento l’opera di una vita: le Elegie Duinesi e i Sonetti a Orfeo. Di questa grande avventura si ricordano soprattutto le tappe fondamentali delle Nuove Poesie (1907), dei Quaderni di Malte Laurids Brigge (1909), dei Requiem dello stesso anno, nonché delle ultimissime raccolte scritte in francese, Verzieri, Rose, Quartine Vallesane. Riposa nel cimitero di Raron, sotto una lapide che reca l’epitaffio scritto di proprio pugno: Rosa, pura contraddizione. Piacere di essere il sonno di nessuno sotto infinite palpebre.

Riprendere Orfeo. Euridice. Hermes in traduzione, dopo alcune storiche versioni che hanno caratterizzato con risolutezza l’impatto di Rilke in Italia – da Leone Traverso e Vincenzo Errante, a Antonio Prete, passando per Giaime Pintor e molti altri – sarebbe impresa vana, addirittura sfrontatezza, se non si avvertisse un’urgenza ulteriore, simile a quella che ha animato una traduzione dei Sonetti qualche anno addietro. Rinnovato interesse che mette in relazione la scrittura rilkiana con alcuni tratti del pensiero psicanalitico in merito non solo all’impatto della pulsione di morte – di cui la narrazione del poemetto è illustrazione –, ma soprattutto quel motivo orfico che lavora ogni storia d’amore. Amore possibile perché impossibile e fallimentare – tanto reale e urgente da mancare la presa e divenirne l’emblema: come nel transfert e nella traduzione (che per Freud, e non solo, hanno stesso nome: Übertragung).

Mario Ajazzi Mancini

Mario Ajazzi Mancini, psicanalista e scrittore a Firenze, dove svolge attività clinica e didattica come docente presso la Società di Psicoterapia Comparata. Si occupa di psicanalisi e poesia, teoria e pratica della traduzione, con particolare riguardo all’opera di Freud e alla poesia di lingua tedesca. Ha curato e tradotto l’antologia Allegorie della critica. Strategie della decostruzione nella critica americana (Liguori), Il Verbario dell’uomo dei lupi di Nicolas Abraham e Mária Török (Liguori), l’edizione bilingue dei casi clinici di Freud, il Piccolo Hans e l’Uomo dei lupi (Feltrinelli), I Sonetti a Orfeo di Rainer Maria Rilke (Newton Compton), Josefine la cantante, ovvero il popolo dei topi di Kafka (ZonaFranca), Celan e Heidegger. Una riga magnificamente indecifrabile. Todtnauberg cinquant’anni dopo (Press & Archeos) e L’ultimo a parlare di Blanchot (di prossima pubblicazione per Orthotes). È autore dei volumi Tra Jung e Freud. Psicoanalisi letteratura e fantasia (Le Lettere), A nord del futuro. Scritture intorno a Paul Celan (Clinamen), L’eternità invecchia. Sulla poesia di Paul Celan (Orthotes),nonché di vari saggi e articoli su riviste specializzate. Dal 2003 ha dato corso a un laboratorio di ricerca intorno alla esperienza della poesia – Afanisi. Nei pressi del soggetto. È socio fondatore di Kantoratelier – arte psiche musica teatro.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Orfeo. Euridice. Hermes”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares