I Sentieri di S. Michele in Chianti, nuova edizione
I Sentieri di S. Michele in Chianti, nuova edizione

Nuova edizione. In Chianti il nome dell’Arcangelo ritorna costantemente designando chiese, eremi, torrenti e lo stesso Monte San Michele, vetta del territorio, meta fino all’inizio del Novecento di processioni religiose e centro di fenomeni cultuali. Il contesto geografico è reso coerente dall’esistenza di un tracciato antichissimo, importante itinerario per i pellegrini e punto di riferimento per le transumanze. Di esso resta un avvincente intreccio di sentieri ricco di curiosità e scorci suggestivi: un patrimonio che solo recentemente si è cominciato a riscoprire, in senso archeologico o semplicemente turistico.

LEARN MORE
Urbicus il gladiatore. Da Firenze a Milano
Urbicus il gladiatore. Da Firenze a Milano

La romana Florentia fu dotata di un importante anfiteatro posto ad oriente della cinta muraria, non lontano dalle rive dell’Arno, dove esisteva una scuola gladiatoria capace di sfornare campioni destinati a esibirsi nelle arene di tutta Italia. Tra di essi vi fu il fiorentino Urbicus che, come ricorda un’antica lapide ritrovata a Milano, perì dopo tredici incontri lasciando la giovane moglie, le figlie ed il suo cane.

LEARN MORE
Insediamenti eremitici nella Toscana medievale
Insediamenti eremitici nella Toscana medievale

La Toscana è stata uno dei luoghi d’Europa in cui maggiormente, e forse con uno specifico successo, le regioni metafisiche dell’eremitismo dei Padri si sono fuse con l’ambiente reale, diocesano e comunale. Attraverso lo studio degli insediamenti eremitici del medioevo toscano, così raramente trattati nella loro integrale complessità, emerge la profondità delle discussioni che si animarono attorno ad assunti filosofici di portata universale e i modi in cui essi determinarono scelte architettoniche e insediative specifiche (…)

LEARN MORE
I sentieri di San Michele in Chianti
I sentieri di San Michele in Chianti

In Chianti il nome di San Michele Arcangelo ritorna costantemente, caratterizzando chiese, eremi, torrenti e la vetta stessa della catena montuosa: Monte San Michele, che fino all’inizio del novecento fu meta di processioni devozionali. Il contesto geografico è reso coerente dall’esistenza di una strada antichissima, che rappresentava nel medioevo un importante itinerario per i pellegrini e un punto di riferimento per le transumanze. Di essa rimane un avvincente intreccio di sentieri, ricchi di curiosità e scorci suggestivi: un patrimonio culturale che aspetta da molto tempo di essere riscoperto, sia in senso archeologico, sia semplicemente turistico.

LEARN MORE
La Battaglia del Mugello
La Battaglia del Mugello

Nel momento forse più oscuro della storia della nostra penisola, oltre la fine dell’Impero Romano d’Occidente e assai prima dell’invasione longobarda, la Toscana, già devastata da carestie ed epidemie fu coinvolta nella drammatica Guerra Gotica. A contendersi i territori dell’antico impero furono gli invasori goti ed i romani d’Oriente; mentre i primi ricercavano con ogni mezzo strategico e politico una legittimazione ed un’affermazione nella società italiana, i secondi, sulla scia della politica di Giustiniano miravano al ripristino dell’unità imperiale. In questo contesto eterogeneo e talvolta ambiguo si pongono gli scontri avvenuti nel 542 nei pressi di Firenze e in Mugello, ispirati dalle strategie del goto Totila e del greco Belisario (…)

LEARN MORE
Storia di una Spada
Storia di una Spada

Nonostante il suo utilizzo nei titoli e nelle copertine di molti libri, la Spada nella roccia di San Galgano viene generalmente relegata ad appendice della figura del cavaliere, e non è utilizzata come chiave di lettura capace di produrre verità storiche, quanto piuttosto mitico-leggendarie.
Ma al di là degli aspetti simbolici riteniamo che, analizzando la storia di un oggetto eminentemente reale, sia possibile produrre ipotesi concrete sul suo stesso proprietario, quel Galgano sul quale è stato scritto un po’ di tutto basandosi talvolta su premesse sin troppo scontate o, al contrario, sin troppo fantasiose (…)

LEARN MORE