Un Documentario su San Galgano

La Spada nella Roccia di San Galgano è, almeno per quel che ne sappiamo, uno dei pochissimi documentari di tipo editoriale (cioè pensato esclusivamente per una distribuzione su dvd homevideo) dedicato al Santo di Chiusdino.
Gli altri dvd o vhs che circolano, sono prevalentemente dei documentari o servizi televisivi.

Questi filmati, proprio per la loro natura giornalistica-mediatica, sono forzatamente sintetici. E, per ragioni comprensibili, operano una semplificazione della vicenda di Montesiepi.
Questa semplificazione in taluni casi è ben riuscita; in altri casi è riuscita un po’ peggio.
Ma la nostra opinione, è che l’intreccio che ruota attorno alla figura di Galgano mostri il suo fascino proprio quando svela la sua complessità, e che le semplificazioni ne turbino spesso il magnetismo.

Galgano, a nostro avviso, ha bisogno di tempo.

Così, ci risulta incredibile che nessuno abbia realizzato un documentario classico e maggiormente esteso su questo santo. Poichè proprio nel documentario, il percorso visivo e il montaggio cinematografico possono aiutare ad esporre, illustrare, poetizzare, e addirittura svelare gli oggetti dell’indagine. Quindi ci siamo presi più di un ora per raccontare la storia, la leggenda di San Galgano, e per offrire alcuni spunti interpretativi.
Abbiamo lasciato parlare gli intervistati a lungo, in barba al ritmo televisivo, ed abbiamo integrato la narrazione con documenti e ricostruzioni, per quello che ci è sembrato giusto e possibile.

La Spada nella Roccia è un documentario abbastanza lineare, senza grandi sperimentazioni narrative, e lo si segue come una sorta di saggio audiovisivo.
Nella prima parte (“San Galgano tra storia e leggenda”), si traccia le tappe fondamentali della storia del Santo e della chiesa di Montesiepi, e si analizza le reliquie contenute nell’Eremo.
Nella seconda parte (“Galgano e il Ciclo Bretone”), dopo una sintesi della bibliografia arturiana, si analizza le similitudini tra le leggende di Parceval, Lancellot, Galahad ecc. e quella di Galgano.
Nel finale (“La cosmologia di Montesiepi”), si offre una chiave di lettura delle vicende di Montesiepi, concentrandosi sulla questione delle preesistenze.

Il dvd è dotato di tre interessanti contenuti speciali, che catalizzeranno l’interesse degli appassionati. Ad esempio, si parla di altre “spade nella roccia” la cui esistenza è sconosciuta ai più…

Ci sentiamo di sostenere che “La Spada nella roccia di San Galgano”, è un prodotto assolutamente onesto dal punto di vista storico. Abbiamo cercato di rispettare sempre e comunque il dato reale, ed arginare la fantasia quando rischiava di condurci alle solite banalità.
Ma la narrazione, grazie all’affascinante voce narrante (Sergio Ciulli), alle belle musiche (Garofoli, Celletti, Monaci) e a certe composizioni visive felicemente riuscite (Video&Archeos), è permeata di un fascino quasi fiabesco.

shares