Guntram!!!!

Guntramno è il “nome Longobardo” di un antico Re Franco, nominato anche come Gontranno, o talvolta come Guntram. Guntramno è protagonista di una leggenda tramandataci da Paolo Diacono.

Una notte, durante il sonno, dalla bocca del Re Guntramno uscì fuori una lucertola. Lo scudiero  del Re osservò l’animale dirigersi verso un fiume, e fermarsi sulla riva.
Allora, il servo posò la spada di Guntramno in modo che il rettile potesse attraversare il corso d’acqua. La lucertola passò sull’altra sponda, per poi penetrare in una frattura del terreno.
Infine, la lucertola tornò nella bocca del Re che, svegliatosi, raccontò d’aver sognato d’attraversare un ponte, discendere in un sotterraneo e trovare un tesoro.
Il servo consigliò di scavare al di la’ del fiume, e infatti, proprio in quel luogo fu trovato un antico tesoro.*

Il viaggio psichico di Guntramno è simile a quello di molti eroi e santi di cui si narra in antiche leggende cristiane, pagane, e di altre culture d’origine indoeuropea.
Si tratta, forse, di una delle più antiche testimonianze di quella tensione che, a cavallo tra sacro e mondano, caratterizza lo spirito dell’uomo occidentale.
La stessa tendenza alla ricerca, al contempo emotiva ed intellettuale, intuitiva e coscienziosa, vorremmo rivederla nella nostra attività. Questo blog nasce principalmente come diario della nostra ricerca e produzione documentaristica, e ci aiuterà forse a razionalizzare sui nostri progetti.
In esso presenteremo, tempo permettendo, tutta una serie di note e considerazioni che precedono la produzione Video. Pubblicheremo inoltre estratti di documentari, testi ulteriori, e quant’altro ci possa essere utile per mettere a fuoco i soggetti e gli argomenti.

Video & Archeos

Negli ultimi dieci anni, sotto il nome “Video & Archeos“, ci siamo dedicati al Video come arte contemporanea, e dunque come sperimentazione di codici e forme espressive inedite.
>Il nostro principale obbiettivo, è stato affinare l’utilizzo del Video come strumento personale da impiegarsi nella riscoperta e nella veicolazione dell’inconscio collettivo. Negli ultimi mesi, abbiamo collaborato attivamente alla produzione di documentari storici per uscite commerciali (principalmente locali, in riferimento a Firenze e la Toscana). In questo senso, il rapporto tra video e “archeos” (antico) è per noi ancora fertile ed attuale.
Ciò che ci piace indagare dalle pagine del nostro blog, è il senso del sacro che caratterizza le nostre terre, e che ha attraversato paganesimo e cristianesimo restando sostanzialmente immutato.
E’ in questa “ricerca verticale” che troviamo una continuità tra la passata attività di artisti (spesso introversiva) e quella di documentaristi (maggiormente analitica ed estroversa).
In generale, ci piace interessarci a tutto ciò che ha a che vedere con l’antico, con la storia e con la filosofia. Pur nel rispetto dei limiti del nostro esser semplicemente dei documentaristi.

*Il racconto è stato captato durante la lettura de “San Galgano e la Spada nella roccia” di F. Cardini, Ed. Cantagalli, 2000.

shares